Stili genitoriali


Comunemente si pensa che i genitori o sono severi o sono indulgenti. Tendiamo a supporre che chi pretende debba essere anche piuttosto duro, poco disponibile al dialogo. D’altra parte il genitore caldo, ben voluto, automaticamente viene immaginato con poca autorità.Ci sono anche altre possibilità.

Un genitore per esempio può aspettarsi molto dai figli, imponendo con fermezza regole anche piuttosto restrittive e al tempo stesso dialogare con affetto, coinvolgere il figlio facendo sentire il senso della famiglia.

Ci sono svariati modi di fare il genitore.

Gli aspetti della vita famigliare in cui i genitori possono scegliere di comportarsi in una maniera o nell’altra sono molti. Riguardano l’esercizio del controllo con le sue diverse componenti, il tono affettivo, il rispetto, la comunicazione, le regole, l’interazione, la relazione. Ciascun genitore mette insieme una specifica combinazione di scelte, fa una sintesi particolare che è il suo stile personale.

La conquista dell’autonomia del figlio passa sicuramente dallo stile educativo che i genitori adottano nei loro confronti.

Il genitore autoritario è quel genitore che ha un alto controllo del figlio, ma ha uno scarso confronto verbale, tende a “comandarlo”. Perde facilmente la calma, si arrabbia. Offre pochi segni positivi di attenzione, tende a “giudicare” e a criticare gli altri adulti.

Il genitore permissivo è quel genitore che ha un basso controllo, sicuramente offre calore, scolta, accetta ma pone scarsi limiti soprattutto perchè si lascia facilmente convincere, non stabilisce regole a priori. Il rapporto con il figlio è quasi paritario e sviluppa un atteggiamento dipendente dal figlio.

Il genitore permissivo-indifferente è quel tipo di genitore che non è coinvolto nella vita del figlio e lo trascura, ponendo scarsi limiti. Sono quei genitori che sommergono i figli di doni per compensazione.

E i figli?

Hanno una scarsa stima di sé e a volte uno scarso rendimento scolastico. Viene a mancare la comunicazione che permette il confronto fra opinioni e il raggiungimento di un equilibrio equo fra aspettative, scopi e richieste sia dei genitori che dei figli.

Invece:

Il genitore autorevole è quel genitore che ha un alto controllo, offre calore, accetta la ricerca di autonomia del figlio, ricerca il confronto ed è aperto alle spiegazioni verbali, attraverso il dialogo costruttivo e la fermezza stabilisce le regole.

I figli hanno un’autostima elevata, sono sicuri di sé, indipendenti, socievoli e altruisti.

Cosa posso fare?

–       Essere aperto alla comunicazione

–       Proporre delle soluzioni

–       Essere elastico nelle decisioni e nella maniera di applicarle

–       Essere sicuro delle sue esigenze

–       Essere capace di ascoltare così come di affermarsi

–       Essere capace di lasciar correre

–       Favorire la socializzazione

–       Favorire la curiosità e le iniziative

–       Favorire l’autonomia

–       Saper distinguere tra i bisogni del bambino, quelli della coppia e quelli propri

–       Proporre delle attività piacevoli

–       Saper applaudire ai successi dei figli

–       Dimostrargli fiducia

–       Aiutarlo ad agire da solo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...